Alla ricerca delle ghiandole odorifere

I gatti presentano le più svariate personalità e ognuno mostra un proprio livello di tolleranza. Come padrone, ti trovi nella posizione migliore per sapere cosa piace al tuo amico felino e, sebbene ogni gatto abbia preferenze personali, ci sono alcuni punti dove AMANO essere accarezzati: dove le ghiandole odorifere sono più concentrate. Sapevi che quando i gatti sfregano il mento o la testa su di te o sui mobili lasciano il loro odore? Lo fanno perché in questo modo l’ambiente avrà un odore familiare e sicuro. Talvolta lo fanno anche con altri gatti o addirittura con i cani (cariniiii!). Gli esperti lo chiamano rubbing (o allorubbing, quando diretto verso un altro animale).

cat rubbing her face against the border collie

Alla base del mento

I gatti adorano una bella grattata sotto il mento, specialmente dove la mandibola incontra il cranio. Un motivo è perché lì proprio non possono arrivare con la loro linguetta ruvida.

Inoltre, le ghiandole odorifere sono concentrate sul viso, motivo per cui una grattatina sotto il mento non guasta mai!

black & white can getting a chin scratch

Guance (dietro le vibrisse)

Se trovi il punto giusto, il tuo gatto porterà in avanti le vibrisse e farà le fusa per non farti smettere!

Se conosci questi segnali di piacere, saprai anche che è meglio continuare a fare quello che stai facendo 😊 se…

  • fa le fusa e ti “massaggia” con le zampe anteriori
  • socchiude gli occhi
  • porta indietro la testa
  • allunga la schiena
  • muove dolcemente la coda a destra e a sinistra
  • Ti dà un colpetto con il muso se ti fermi!
Leggi anche: Il linguaggio del corpo dei gatti: coda e vibrisse
Leggi ora →

Sopra, sotto e tra le orecchie

Usa la punta delle dita (ma non le unghie) per premere gentilmente nella zona tra le orecchie o dietro a queste. Le orecchie sono dei “marcatori” per i gatti: quando sfregano la testa su di te, ti stanno contrassegnando come “sicuro”. Significa che si fidano di te. Le carezze tra le orecchie ricordano ai gatti di quando venivano coccolati dalla mamma quando erano cuccioli. Un dolcissimo ricordo!

Dalla testa alla coda

Accarezza la fronte, poi prosegui gradualmente verso la schiena fino alla coda. Massaggia lentamente i muscoli del collo premendo delicatamente.

Accarezza sempre nella stessa direzione: dalla testa verso la coda. La maggior parte dei gatti non ama essere accarezzata contropelo.

ragdoll on lap of owner

Evita i lati del corpo e fermati alla coda. Ad alcuni gatti piace sentire una maggiore pressione alla base della coda, perché anche qui è presente una ghiandola odorifera. Ma attenzione: mentre alcuni gatti lo apprezzano, altri sono pronti a tirare fuori gli artigli! È necessario quindi cercare di capire le preferenze del proprio con cautela. 

Il tuo gatto inarca la schiena e la parte posteriore si alza? È un segno di piacere! Sta spingendo il proprio corpo contro la tua mano per richiedere ancora più coccole, che siamo certi sarai felice di dargli.

La cosa più importante è scoprire cosa piace al tuo gatto. Cerca di prestare attenzione e rispetta le sue preferenze: in questo modo andrete d’accordo e diventerete senza dubbio amici per il pelo!

Anche il nostro cibo naturalmente gustoso assicura fusa a più non posso.
Scopri ora →