Rischio sovrappeso

Prima di essere sterilizzati, i gatti maschi investono molte energie nella ricerca di una partner. Possono sparire per giorni e talvolta possono letteralmente combattere per la loro compagna. Le gatte, invece, investono molte energie nella gestazione, nel parto e nella crescita dei cuccioli. Quando un gatto viene sterilizzato, questo dispendio di energie non si verifica praticamente più.

I gatti sterilizzati passano più tempo sul divano e diventano più pigri. Questo ovviamente ha delle conseguenze sul loro metabolismo: infatti, i gatti sterilizzati possono necessitare fino al 30% di calorie in meno al giorno rispetto a prima. Ma attenzione: se da una parte l’energia di un gatto sterilizzato si riduce, il suo appetito invece aumenta. Per questo motivo la sterilizzazione è un fattore di rischio verso l’aumento di peso e, talvolta, anche verso l’obesità.

Per evitare che questo accada, è importante adeguare l’alimentazione del tuo gatto. Ecco come fare:

1. Rispondi ai suoi bisogni nutritivi

Consigliamo vivamente di scegliere un cibo sano e ben bilanciato che risponda ai bisogni nutritivi del gatto. È sempre bene controllare gli ingredienti utilizzati nelle crocchette e nel cibo umido. Il nostro cibo per gatti, per esempio, è realizzato con ingredienti naturali e tanta carne o pesce freschi. Ciò significa niente di trattato o disidratato e assolutamente niente farine di carne o pesce, né ossa.

Scopri le nostre 14 sane ricette per gatti
Scopri ora →

Non c’è bisogno di acquistare ricette speciali per i gatti sterilizzati. L’importante è ridurre la quantità di calorie rispetto ai loro bisogni! Le indicazioni per gatti sterilizzati sono presenti su tutte le nostre confezioni, ma le puoi trovare anche sul nostro sito.

Edgard & Cooper cat food range.

2. Controlla la quantità giornaliera di cibo

Hai trovato un cibo sano che il tuo gatto sterilizzato adora? Magnifico! Ora devi solo capire quanto dargliene. Ti suggeriamo di seguire le indicazioni sulla confezione della tua ricetta preferita. Ricorda però che ogni gatto è diverso e che qualche volta sarà necessario adeguare le proporzioni alle necessità del tuo gatto in particolare.

Altre due cose importanti da ricordare. Primo, il cibo secco contiene più energia di quello umido. Può quindi sembrare che tu stia dando troppo poco cibo al tuo gatto, ma in realtà risponde tranquillamente alle sue necessità. Secondo, ti consigliamo di non esagerare con gli spuntini: in generale, non dare al tuo gatto più del 10% del suo apporto calorico giornaliero in snack. Le confezioni degli snack danno anche informazioni riguardo al contenuto calorico.Cat eating kibbles.

3. Pasti più piccoli, più volte al giorno

 L’istinto è quello di servire al nostro gatto due pasti abbondanti al giorno e di riempire per bene la ciotola. I gatti in realtà preferiscono pasti più piccoli più volte al giorno e in posti diversi della casa. Perché? Questo è dovuto al forte istinto di caccia che ancora li caratterizza. Ti consigliamo, se possibile, cinque pasti al giorno. Questo stimolerà i bisogni mentali e comportamentali del tuo gatto.

Una buona idea sono anche i dispensatori temporizzati o i food puzzle! Ai gatti può piacere guadagnarsi il proprio cibo e li incoraggerà a mangiare rispettando i propri bisogni. Valuta se offrire più opzioni in diversi punti della casa – ancora meglio se ad altezze diverse. Il tuo gatto lo adorerà!

Oltre a tutto questo, ti consigliamo di trovare il tempo per giocare con il tuo gatto ogni giorno. Questo lo aiuterà a sfruttare le proprie energie e a tenersi in forma!